Vuoi aiutare i gatti bisognosi? Ecco 6 modi con cui puoi farlo!

Adottare un gatto e prendersi cura di lui è sicuramente un grande gesto d’amore. Adottare un gatto bisognoso di cure particolari è il gesto d’amore più grande in assoluto. Ma non solo verso il gatto, anche nei confronti di noi stessi. Abbiamo riassunto qui perchè adottare un gatto disabile ci migliora la vita, ma sappiamo anche che non tutti possono farlo per vari motivi, uno dei tanti il fattore economico.
Tuttavia, ciò non vuol dire che non possiamo aiutare i gatti più bisognosi, invalidi o meno che siano. Ecco un elenco di azioni che possiamo fare per essere partecipi e fautori della gioia di questi gatti!

1. Volontariato nei rifugi/adozioni a distana/ donazioni in cibo e coperte
Molto spesso i rifugi per animali chiedono l’aiuto di volontari perchè il lavoro da svolgere è davvero tanto, specialmente se sono presenti molti casi “difficili”. Cercano una persona fidata e amante degli animali in modo tale da rendere il lavoro un po’ più leggero. Sarà sicuramente un compito arduo e per persone con del fegato (non si sa mai in che condizioni può arrivare un micio al rifugio e soprattutto se ce la farà), ma è un gesto che può significare tanto per un animale bisognoso. Se non hai tempo per dedicarti al volontariato in prima persona, puoi aiutare i volontari e le associazioni anche con piccole donazioni, ad esempio, adottando a distanza uno dei loro mici!
Se le tue condizioni economiche non te lo permettono, puoi comunque donare coperte, vecchie stufe o altro ai rifugi.

banner

rifugio

2. Fornire un posto caldo e del cibo ai randagi durante l’inverno
Come abbiamo visto in tante altre storie, l’inverno può essere davvero duro per un gatto. Pensate che i randagi non hanno una dimora fissa, spesso nemmeno un posticino in cui ripararsi, e sono quasi sempre senza cibo e senza acqua. Se vedete un micio aggirarsi nei paraggi di casa vostra, cercate di arrangiargli una cuccetta in un posto riparato e dategli cibo e acqua. Anche un piccolo gesto può aiutarlo tanto.

3. Offri disponibilità per lo stallo
Non sempre i rifugi possono tenere i gatti per molto tempo, specialmente quelli piccoli o con patologie. Anche solo tenere un gatto con te solamente per il periodo di tempo che deve trascorrere prima di essere adottato, è un aiuto importantissimo.

4. Aiuta le colonie feline
Le colonie feline sono un caso davvero delicato. Si tratta quasi sempre di schiere di gatti che vengono da tante parti diverse della città ma che si riuniscono per mangiare. Sono mantenuti da semplici volontari che provvedono a cibo, acqua, riparo e cure mediche. Aiutare una colonia significa fornire un’assistenza migliore ai gatti che ne fanno parte e aiutare i volontari anche con le sterilizzazioni.

colonia

5. Condividi gli appelli!
Ogni giorno, sui social, leggiamo storie di abbandoni, maltrattamenti e abusi ai danni dei nostri amici pelosi. Se non puoi adottare il gatto o stallarlo, condividi il suo appello: fallo girare sulla tua bacheca, nei gruppi o sulle bacheche dei tuoi amici. Le condivisioni sono fondamentali per far arrivare l’appello a più persone possibili ed aumenta la probabilità che arrivi sulla bacheca della persona giusta!

6. Impara a conoscere il gatto
Sia che il gatto viva con te, sia che si tratti di uno che stai aiutando con lavoro di volontariato conoscere il suo carattere può rivelarsi fondamentale. Conoscere le sue abitudini, i suoi modi di reagire alle varie situazioni o anche semplicemente cosa intende dire con un piccolo richiamo significa saperlo aiutare al meglio. Conoscendo i suoi gusti, cosa gli piace e cosa no, puoi anche creare un ambiente migliore per lui: puoi arricchire lo spazio con i suoi giochi preferiti e contribuire alla sua serenità mentale e fisica.