Addio a Romeo, l’amatissimo gatto-sindaco del Comune di Vicenza

Era la mascotte del Comune dal 2015. Oggi Vicenza piange Romeo, un gatto randagio diventato presenza imprescindibile al municipio ormai da 6 anni. Per molti era un sindaco ad honorem, per altri un simbolo della struttura; certo è che in questi anni ha fatto compagnia a dipendenti e cittadini, adottato simbolicamente da tutti. Romeo si è spento in questi giorni all’età di 16 anni, a causa di un’infezione a un morso a cui si è tentato disperatamente di porre rimedio. 

Un’assenza che pesa

La scomparsa di Romeo è un peso sul cuore per tutti i dipendenti di Palazzo Trissino che ogni giorno lo vedevano rannicchiato o gironzolante per le colonne della struttura. Quel luogo era diventato la sua casa, lì per lui era stata persino costruita una casetta in cortile. Ogni giorno cibo e coccole, e una compagnia speciale, di quelle che solo gli animali possono regalare. 

banner

I messaggi di cordoglio

Sui social si è scatenato un tam tam di amore verso il dolce Romeo, che non sarà mai dimenticato. L’assessore vicentino Matteo Tosetto gli ha dedicato un post su Facebook: “Un gatto che è diventato un amico fedele e unico per tutti noi, sempre pronto ad accoglierci in Comune donando affetto. Grazie a tutti i dipendenti comunali di palazzo Trissino che lo hanno curato e accudito per tanti anni. E Grazie all’ENPA Vicenza che se ne è preso cura in questi ultimi tristi giorni”. A fargli eco anche il capo-ufficio stampa del Comune di Vicenza, Paola Sperotto: “Ciao Romeo, da domani (oggi, ndr.) mattina saremo tutti un po’ più tristi a Palazzo Trissino. Questa è solo l’ultima delle centinaia di foto che ti ho scattato. Tu sempre perfettamente in posa, come si conviene a un gatto di palazzo… anche se la sera tornavi ad essere un gatto di strada. Grazie alle colleghe usciere che in questi anni si sono prese cura di te”.

Foto gentilmente concessa da Paola Sperotto, capo-ufficio stampa Comune di Vicenza.