Come riconoscere il sesso di un gattino: ecco la risposta

Può sempre capitare di incappare in un gattino. Di piccoli randagi è purtroppo pieno il mondo, ed è tutt’altro che inusuale lasciarsi sedurre da quei musetti e portarne uno a casa con noi. Oppure, forse, una gatta che abbiamo accolto in casa in stato interessante sta per partorire e ci stiamo preparando ad accogliere la sua cucciolata. Qualunque sia il caso, è comune chiedersi come riconoscere il sesso di un gattino. Dopotutto, il sesso è una delle caratteristiche da comunicare se si vogliono cercare adozioni. E anche in caso contrario, è sempre meglio esserne al corrente.

La domanda, ora, è: come riconoscere il sesso di un gattino?

banner

Come riconoscere il sesso di un gattino
Fonte: www.dspca.ie

Innanzitutto, per poter fare una “diagnosi” sensata, occorre attendere che i cuccioli raggiungano circa le otto settimane di vita, ovvero due mesi.

Senza concentrarsi sui genitali, qualche indicazione può darla anche il corpo in se stesso. I maschi, così come da adulti saranno, anche da piccoli sono generalmente più grossi e più pesanti delle femmine. Inoltre, meritano un’occhiata muso e testa. Un muso più sporgente è di solito maschile, mentre la testa femminile risulta più ridotta e piccina, maggiormente aggraziata. Persino la colorazione del pelo può essere di aiuto. Come è noto, la gran parte delle calico sono femmine, laddove invece i gattini dal pelo rosso solitamente si rivelano essere maschi.

Eseguita questa prima osservazione, però, è tempo di passare a esaminare la zona genitale, posta sotto la coda. Quando si parla di come riconoscere il sesso di un gattino, questo è un passo da cui non ci si può esimere.

I fattori chiave sono larghezza, distanza e dimensione dell’area genitale. In particolare, è determinante la distanza tra l’ano e il passaggio urinario.

Nel caso del maschio, tra ano e tratto urinario è allocato lo scroto.

come riconoscere il sesso di un gattino
Immagine di icatcare.org
come riconoscere il sesso di un gattino
Immagine di kittenclass.com

Lo spazio “aggiuntivo” servirà poi, con il tempo, ad ospitare i testicoli, che si faranno più e più evidenti, fino a essere visibili senza ombra di dubbio, al momento della maturazione sessuale.

Nella femmina, la distanza tra i due orifizi è più ridotta, tanto che risultano quasi adiacenti. E ovviamente, lo scroto non è presente.

come riconoscere il sesso di un gattino
Immagine di icatcare.org
come riconoscere il sesso di un gattino
Immagine di kittenclass.com

Per maggior chiarezza, questa foto presenta maschio e femmina a confronto.

come riconoscere il sesso di un gattino

Speriamo che ora sia più chiaro, a chi avesse dubbi, come riconoscere il sesso di un gattino. E voi, avete mai allevato un cucciolo?