Denunciato per aver sparato al gatto del vicino: è accaduto vicino Bergamo

La tolleranza pare ormai non sia più cosa di questi tempi. Per molti, troppi, la soluzione a un problema, qualsiasi problema, è l’aggressività. E poco importa se essa sconfina nella violenza, portando alla morte uno dei due litiganti. A Calusco d’Adda, in provincia di Bergamo, un uomo è stato denunciato per aver sparato al gatto del vicino. Apparentemente, l’animale era colpevole di miagolare eccessivamente.

Denunciato per aver sparato al gatto del vicino
Foto di repertorio. Fonte: http://cc0.photo/2015/06/19/sleeping-cat-in-the-sun/

Era da tempo che l’uomo era infastidito dai suoni emessi dai gatti del vicino di casa. Così, quando durante la mattinata di sabato 27 luglio i due felini sono stati “tanto audaci” da entrare nella sua proprietà, lui ha imbracciato la sua carabina ad aria compressa e ha sparato, colpendo a morte uno dei due gatti.

banner

Pare, del resto, che questo modus operandi non sia una novità per lui. Già in passato si era dimostrato intollerante verso gli animali, e già allora avrebbe cercato di risolvere il problema con la sua arma.

L’uomo, denunciato per aver sparato al gatto del vicino, avrebbe ammesso la sua colpevolezza.

Ora le forze dell’ordine hanno sequestrato la sua carabina ad aria compressa, e lui dovrà affrontare le conseguenze legali del gesto compiuto.

Nulla, purtroppo, potrà riportare in vita il micio che ha perso la vita in questa vicenda. Ed è spaventoso davvero come, spesso, non si sia più in grado di affrontare un dissidio pacificamente. Noi ci chiediamo se, prima di agire, l’uomo abbia esposto le sue lamentele al vicino; e se il vicino, a sua volta, abbia verificato con il veterinario che non fossero problemi medici a causare quei miagolii ripetuti. Forse sarebbe stata una buona idea, visti i precedenti, mettere in sicurezza l’area in cui si muovevano i due gatti.

Non sapremo mai cosa sia accaduto di preciso. Perciò speriamo almeno che sia fatta giustizia.