È consentito nutrire gli animali randagi: lo dice il Ministero della Salute

È un inizio 2020 difficile, quello che stiamo affrontando. Ora che il Coronavirus ha raggiunto anche le nostre coste, siamo costretti a limitare i nostri spostamenti e variare di non poco le nostre attività. Ora gli spostamenti consentiti hanno come motivazione principalmente la salute e il lavoro, o in ogni caso necessità inderogabili, e non è facile, per chi gestisce una colonia o dei randagi, capire come garantire cure e cibo ai nostri amici a quattro zampe. O almeno, non lo era fino a qualche giorno fa. Pubblichiamo a seguire la comunicazione del Ministero della Salute che esplicita che è consentito nutrire gli animali randagi e le colonie.

banner

Fino a qui, il documento contiene informazioni ormai ben note a tutti.

Il paragrafo che segue, invece, quello per la precisione delineato in blu, esplicita direttamente che è consentito nutrire gli animali randagi e le colonie. 

Il riferimento, come avranno notato i più attenti, è alla Legge 14 agosto 1991, n. 281, “Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo”. L’articolo di maggior interesse, nell’ambito in oggetto, è il seguente:

Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono, al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l’ambiente.

è consentito nutrire gli animali randagi
Fonte: https://eu.usatoday.com/

Resta comunque valida la raccomandazione di presentare sempre il modulo di autocertificazione, a garantire la genuinità dello spostamento. Nello spazio dedicato alla motivazione, si può tranquillamente scrivere “indispensabile somministrazione giornaliera di cibo e cure a colonie feline libere”. Ricordiamo a tutti che, adesso, il modulo è stato aggiornato con la clausola in cui si dichiara anche la non positività al virus, e pertanto per evitare problemi e multe è meglio utilizzare questa versione aggiornata.

Buon lavoro a tutti i volontari!