Esiste il reato di omissione di soccorso di animali?

Esiste il reato di omissione di soccorso di animali?

L’omissione di soccorso di animali non è un reato, ma un illecito amministrativo previsto dal Codice della Strada e prevede esclusivamente una sanzione pecuniaria.
Questo significa che non si va davanti al giudice penale ma, in caso di accertamento della violazione, si paga una sanzione abbastanza elevata.

Le sanzioni, nel caso di incidente comunque ricollegabile al comportamento dell’utente della strada, vanno dai 389 ai 1.559 euro mentre per
soggetti coinvolti ma senza un ruolo nella dinamica, le sanzioni per l’omesso soccorso vanno dai 78 ai 311 euro.
L’obbligo di soccorso, dal punto di vista giuridico, scatta se l’animale è (o appaia) vittima di un incidente, sia se l’utente della strada abbia avuto
un ruolo nella dinamica sia in caso contrario.

banner

Numerosi sono i casi di sanzioni irrogate grazie al senso civico di testimoni.
Tuttavia, pur essendo considerata una fattispecie meno grave dell’omissione di soccorso in senso stretto (che, per le persone, è reato e non illecito amministrativo), è da segnalare che potrebbe essere contestata un’uccisione per omissione da parte di chi, investendo accidentalmente l’animale, non lo soccorra e ometta quelle condotte che potrebbero impedire il verificarsi dell’evento letale, ove idonee in tal senso.

Un caso analogo è stato giudicato dalla Cassazione (2011) che ha evidenziato che ostacolare il soccorso, impedendo l’opera dei soccorritori, equivale ad un’azione omissiva che può integrare reato di uccisione di animali.
Infatti il reato di uccisione di animali è a forma libera, pertanto, può configurarsi sia con condotte attive che omissive.

Per approfondimenti Gasparre, Diritti degli animali. Antologia di casi giudiziari oltre la lente dei mass media, Key editore; Gasparre, Degli animali&Della famiglia (ovvero) gli animali nel Libro I del codice civile, Key editore.

Per consulenze private: annalisa.gasparre@gmail.com