Foto & video – Venus, la gatta chimera

Venus è sicuramente uno dei gatti più famosi al mondo. Per capire il perchè basta guardare una sua foto: è chiamata gatta chimera (nella mitologia greca la chimera è  una creatura composta da parti di animali diversi) o gatta a due facce!

Foto & video - Venus, la gatta chimera

banner

Come potete vedere dalla foto, Venus ha esattamente metà faccia di colore nero e l’altra metà è rossa tigrata. Anche gli occhi sono completamente diversi: uno verde e l’altro di un blu intenso. Più che il mantello, quello che colpisce è il colore dell’occhio sinistro: solitamente i gatti hanno gli occhi color giallo/arancio o verde; il blu è una particolare colorazione dell’iride tipica dei siamesi o dei gatti completamente bianchi!

Per la millimetrica precisione con cui il volto è diviso a metà, i più scettici potrebbero pensare che si tratti di foto ritoccate al Photoshop. Vi assicuro, però, che non è così!

Foto & video - Venus, la gatta chimera
Leslie Lyons, insegnante di  genetica animale alla University of California, ammette di non aver mai visto mai nulla del genere: “È estremamente rara, ma si può assolutamente spiegare. E’ molto probabile che Venus non sia una chimera (gli animali chimera presentano due patrimoni genetici diversi); il chimersimo non è così tanto raro tra i gatto: la maggior parte dei gatti maschi tricolore sono chimere; il tipico mantello a chiazze arancio e nere è un segno che l’animale ha un cromosoma X in più. Le gatte femmine invece hanno già due cromosomi X, per cui il loro pelo si colora sia di arancione che di nero, formando i motivi tipici dei gatti tartarugati. Venus, quindi, potrebbe non essere una chimera, ma solo una strana combinazione genetica puramente casuale.”
Finchè non si effettueranno test genetici approfonditi, non si può escludere nè l’una nè l’altra ipotesi.
Foto & video - Venus, la gatta chimeraLa natura ci stupisce e si supera ogni volta, quasi a volerci dimostrare che quell
o che è in grado di fare è senza limiti. E guardando tanta particolarità e bellezza, non possiamo che darle ragione.