Francesco Guccini e il suo amore per i gatti: una lunga storia felina

I personaggi pubblici, in qualsiasi campo essi lavorino, hanno sempre dei lati a noi sconosciuti. O, quantomeno, meno noti ai più. Francesco Guccini, ad esempio, è universalmente noto per le sue doti di cantautore, ma… sapevate che è anche un gattofilo incallito? Ebbene, oggi vi narriamo di Francesco Guccini e il suo amore per i gatti.

Francesco Guccini e il suo amore per i gatti
Francesco Guccini e il gatto Stagno. Fonte: https://www.francescoguccini.it

A ben guardare, sono diverse le occasioni in cui il cantautore italiano ha menzionato i gatti, e in particolare i suoi gatti. Un buon numero si è susseguito nella sua vita, e proprio a loro Guccini fatto omaggio nel suo libro “Non so che viso avesse – Quasi un’autobiografia”.

banner

Nello specifico, sono menzionati nella prefazione.

Un’ultima cosa: non bisognerebbe tacere della multiforme e variegata e agile esistenza degli undici gatti che si sono degnati di farmi compagnia, accondiscendendo a vivere per molti anni accanto a me, ognuno con il proprio carattere, ognuno con la propria storia gatta. Ma questo richiederebbe un’opera a parte, dedicata soltanto a loro, come, d’altra parte, la vita di ognuno di noi meriterebbe che accadesse.

L’ultima frase, in particolare, parla di profondo rispetto verso i nostri felini. La loro vita è pari alla nostra per importanza, tanto che, come afferma l’artista, meriterebbero ciascuno una propria biografia e non solo una semplice citazione, o una parte dell’opera centrata su altri.

Se, però, si parla Francesco Guccini e il suo amore per i gatti non si può non menzionare la gatta nera Paurina.

Paurina è persino apparsa in tv, concedendosi alla telecamera per qualche attimo.

Era il 1° novembre 2014, e il cantautore era in collegamento con la trasmissione di Rai 3 “Che fuori tempo che fa” condotta da Fabio Fazio. A quanto dichiarato da Guccini stesso, Paurina non era in perfetta salute. Nonostante questo, la micia ha deciso di concedersi comunque al pubblico. Per la gioia di Fazio, che ha dichiarato quanto la sua presenza fosse gradita ai telespettatori. Una curiosità: Paurina deve il suo nome al suo carattere, perché “sta sempre in casa, deve aver subito un trauma e continua a chiedermi coccole”.

I lettori più attenti, comunque, avranno certamente già notato un secondo gatto nella stanza: la mattonella a riproduzione di Le chat noir di Théophile-Alexandre Steinlen, simbolo dell’omonimo locale parigino, alla sinistra di Guccini.

E voi, conoscevate questo lato del cantautore nostrano?