Frankie, gattino con quattro orecchie e un solo occhio

Quando si tratta di felini, non è solo nei colori variegati del mantello che Madre Natura esprime la sua creatività. Talvolta, sa giocare anche su quelle che consideriamo comunemente le caratteristiche ovvie del gatto; ad esempio, la presenza di due orecchie. Per quanto accada di rado, infatti, succede persino che nascano gattini con più di un paio di orecchie… proprio come è successo all’ormai famoso Yoda ed ora anche a Frankie, gattino con quattro orecchie e un solo occhio.

Fonte: http://www.lastampa.it

Frankie è nato con una malformazione genetica molto rara, che gli ha “regalato” due orecchie in più e troppi denti. Quando è stato notato da una coppia, mentre si aggirava nei dintorni di casa loro insieme a un amico felino, aveva bisogno di aiuto: il suo occhio sinistro era chiaramente infiammato. Impietosite, queste persone hanno portato i due gatti alla Geelong Animal Welfare Society di Moolap, nello Stato federato di Victoria, in Australia.

banner

Fonte: http://www.lastampa.it

Qui, ha finalmente ricevuto le cure di cui necessitava. Purtroppo, i veterinari non hanno potuto far altro che asportare l’occhio danneggiato, ma per il resto il piccolo ha iniziato una costante ripresa.

Lo ha ospitato, in previsione della convalescenza, il volontario Geordi. Che ha deciso, poi, di adottarlo definitivamente.

“Ho ospitato più di 80 gatti nell’ultimo anno, ma con lui è stato diverso.
Non ho nessuna intenzione di separarmi da lui”

Fonte: http://www.lastampa.it

Ripensamenti? Assolutamente nessuno. Mentre prosegue il suo ciclo di cure, con la collaborazione anche economica della Geelong Animal Welfare Society, Frankie, gattino con quattro orecchie e un solo occhio, diventa ogni giorno di più parte della sua nuova famiglia.

Fonte: http://www.lastampa.it

“Un po’ di tempo fa il gatto ha anche fatto visita a una signora di 90 anni, e l’ha resa molto felice . E con la sua forza e la sua voglia di vivere rende felice me ogni giorno”

Certo, il mondo trabocca di incubi. Ma a volte, abbiamo bisogno di favole. Come questa.

Fonte: http://www.lastampa.it