Freddie Mercury e i suoi gatti: un amore infinito

Prec1 of 3Succ
Usa ← → le frecce per cambiare pagina

Personalmente ho sempre amato Freddie Mercury, l’indiscusso leader dei Queen dal carattere esuberante e, a volte, stravagante. È stato un grande artista ed una persona eccezionale; non tutti sanno che Freddie amava i gatti sopra ogni cosa. Freddie Mercury e i suoi gatti erano, e sono ancora, l’espressione di un amore infinito.
Ne aveva 9 in casa:  Tom, Jerry, Oscar, Tiffany, Delilah, Goliath, Miko, Romeo e Lily; lo seguivano come un’ombra e la notte dormivano tutti insieme sul suo lettone.
Freddie Mercury gatti
I suoi primi mici furono Tom e Jerry, che aveva preso con sè quando viveva con Mary Austin, poi arrivò Oscar, un gattone rosso che però manifestava una forte timidezza: in seguito arrivò Tiffany, cui seguirono Delilah, la sua preferita, e Goliath. Infine tra i suoi ultimi gatti vi furono un micio tutto nero che venne chiamato Sansone, poi Tiko, un soriano tricolore, il soriano Romeo ed infine Lily, una gatta bianca.
freddiiTra Freddie Mercury e i suoi gatti c’era un’intesa speciale. Quando era in tour, Freddie telefonava sempre a Londra per parlare con ognuno di loro: Mary Austin, la sua ex fidanzata nonché migliore amica che gli è rimasta accanto fino alla fine dei suoi giorni, glieli “passava” al telefono uno per uno, in modo che potessero sentire la sua voce. Ognuno di loro, a Natale, riceveva anche il suo regalo personale
.
Era disposto a tutto per i suoi gatti: nel 1985 dedicò il suo primo album da solista, Mr Bad Guy, al mio gatto Jerry – ma anche a Tom, Oscar e Tiffany e a tutti gli amanti dei gatti in giro per il mondo – al diavolo gli altri.

banner

freddie mercury gatti

La storia continua alla pagina successiva

Prec1 of 3Succ
Usa ← → le frecce per cambiare pagina