Happy Cat Sanctuary, realtà da paradiso per i gatti nata da una tragedia

La morte di una persona cara è sempre un colpo allo stomaco. Si tratta di fare i conti con una realtà nuova, in cui il nostro amico, nostro fratello, nostra madre o nostro figlio che sia non esistono più. La perdita di un figlio, si dice, è per un genitore, il trauma peggiore che si possa subire. Proprio questo è accaduto a Chris Arsenault, che ha però convogliato il suo dolore in un progetto molto speciale: il rifugio noto come Happy Cat Sanctuary.

Fonte: https://twitter.com

Era il 2006 quando Eric, il figlio di Chris, ha perso la vita in un incidente in moto a causa di un problema all’accelleratore. Chris, affranto e distrutto dalla perdita di un pezzo di cuore, ha fatto proprio durante il periodo del lutto più profondo un incontro molto particolare: con una colonia di 30 gatti bisognosi di urgente aiuto e cure.

banner

Fonte: http://www.top13.net

Qualcun altro forse si sarebbe chiuso nel suo dolore e avrebbe girato la testa dall’altra parte. Non Chris. Può darsi che la vista della sofferenza di quei 30 gatti, l’idea che presto avrebbero potuto morire come suo figlio, gli abbia fatto desiderare salvare almeno quelle piccole vite. Come invece non aveva potuto fare per Eric.

Fonte: http://www.top13.net

Oggi i gatti dell’Happy Cat Sanctuary sono diventati più di 200, e quel rifugio è per loro una specie di paradiso. Hanno a loro disposizione un’area interna, in cui dormire, riposare e stare tranquilli, così come una esterna adeguatamente recintata, in cui possono sgranchirsi le zampe, correre e giocare in sicurezza.

Fonte: http://www.top13.net

I gatti accolti da Chris sono a volte, per così dire problematici: alcuni hanno sofferto il trauma dell’abbandono e della perdita della fiducia nel prossimo, altri arrivano dal mondo dei combattimenti clandestini tra cani, per non parlare dei gatti Felv positivi, così spesso lasciati alla gabbia di un gattile per tutta la loro vita.

Fonte: http://www.top13.net

Quello che è meraviglioso è come Chris, invece di inaridirsi per la perdita di un figlio, abbia trovato nuova linfa di vita e abbia fatto del benessere di queste creature una vera missione. Non è da tutti.

Chi volesse saperne di più e restare aggiornati sulle novità dell’Happy Cat Sanctuary può visitare il sito web dedicato e l‘omonima pagina Facebook.

Fonte: http://www.top13.net