Il gatto da guardia Heston e i postini: un rapporto un po’ complicato!

Quando si pensa a un animale nemico del postino, spesso è il cane a saltare alla mente. Tanto che le arti raffigurano frequentemente, in varie forme, questo cliché. In realtà, questa “avversione” non è una prerogativa dei canidi. Il rapporto complicato tra il gatto da guardia Heston e i postini ne è una prova.

Il gatto Heston e i postini
Fonte: www.lastampa.it

“Gatto da guardia in azione. Non infilare le dita nella buca delle lettere”, recita il cartello di fronte alla casa di Bruce Robinson. Non c’è proprio nulla da fare: per Heston due dita che sporgono all’interno della cassetta delle lettere sono una tentazione irresistibile, e questo è l’unico modo per evitare che il “vizietto” di Heston crei problemi.

banner

Insomma, pare proprio che il problema non riguardi il gatto Heston e i postini in se stessi. Ad attirarlo, piuttosto, sarebbero le mani dei malcapitati.

Quando qualcuno tenta di depositare la posta, questo micione nero si abbandona a graffi e morsi. Tanto che c’è chi l’ha soprannominato “gatto del diavolo”. Il problema probabilmente è nato quando Shane, il piccolo umano di casa, lo ha abituato a giocare con questa modalità.

Heston, pare, è anche un po’ un misantropo. O forse ama difendere quello che ritiene il suo territorio.

Così racconta il signor Robinson a LaStampa.it.

A Heston non piace la gente. Una volta un meccanico è venuto a consegnarmi un documento. Pensava che avevamo un cane da guardia, non un gatto. Poi l’ho sentito gridare dal fondo del viattolo e Heston era lì, appeso alla sua gamba.

Il gatto Heston e i postini
Fonte: www.lastampa.it

Nel privato, assicura il signor Robinson, Heston sa essere dolcissimo ed estremamente affettuoso. E come non crederci, guardando dritto in questi occhioni magnifici?