Il murales felino della Sardegna che sta per essere cancellato

Le leggi, italiane e non, sanno essere molto stringenti. La stessa disciplina che protegge le colonie feline, dichiarandole inamovibili da dove si sono stanziate salvo specifiche eccezioni, è diventata fonte di problemi per l’artista italiano Ericailcane. Questo pittore, protagonista di mostre in 13 nazioni e persino di un trafiletto su “La Treccani”, dovrà rimuovere il murales felino della Sardegna da lui dipinto.

il murales felino della Sardegna
Fonte: https://www.instagram.com/potentedifuoco

Questa opera, dipinta sul muro dell’amico Angelo Spanu posto in via Garibaldi, a Cabras, è nata per essere un regalo alla comunità. Raffigura un gatto che rema al di sopra di una tipica imbarcazione di erba palustre dello stagno, nota come “fassonis”.

banner

Il problema principale, presentatosi proprio in seguito alle prime pennellate, è stata la mancata autorizzazione a procedere. Così dichiara il sindaco, secondo quanto riportato sul sito “sardanews.it”.

L’opera è arrivata prima dell’autorizzazione, e proprio per questo è stata sospesa. Il Comune è a lavoro per trovare una strada che ne consenta la sanatoria e il completamento.

Ericailcane, con evidente delusione, aveva risposto con questo biglietto allo stop.

il murales felino della Sardegna
Fonte: https://www.instagram.com/potentedifuoco

Tali informazioni risalgono a fine maggio 2020.

Ad oggi, sul sito web “Unionesarda.it”, sono state pubblicate nuove dichiarazioni riguardo il murales felino della Sardegna di Ericailcane, che meglio spiegano l’accaduto.

Non avendo ricevuto alcun cenno di risposta in otto mesi ho deciso di procedere. Il 25 maggio la polizia locale ci ha contestato il reato di abuso edilizio. Ad oggi però non sappiamo se sia stato inviato l’accertamento al Pubblico Ministero come promesso dai vigili. Ci è stato imposto di bloccare i lavori pena il sequestro della parete stessa. Lo stesso giorno ci è stato promesso dal sindaco una quanto più rapida possibile soluzione. Dopo un mese dai fatti, non abbiamo ricevuto nessuna risposta se non che il proprietario dell’immobile si dovrebbe incaricare di risolvere la questione avviando da sé la sanatoria.

Ci sembra che al momento non ci sia alcuna volontà da parte delle istituzioni di lasciare che si possano sviluppare progetti gratuiti e spontanei. Per questa ragione cancelleremo il murale iniziato un mese fa.

Dispiace che, in questa contesa, debba rimetterci l’esistenza un’opera di indubbia qualità artistica, senza colpa alcuna e che meriterebbe di continuare a esistere e rallegrare la giornata di passanti, residenti e turisti.

L’ultimo aggiornamento, reperito sulla pagina Instagram dell’artista, è questo. A quanto pare l’opera è stata rimossa, ma noi speriamo di poterla riammirare presto!