La gatta Faith e la sua storia di fede: un’eroina della seconda guerra mondiale

Forse, ad oggi, la gatta Faith e la sua storia di fede non sono più così conosciute. Gli eventi che riguardano questa gattina, dopotutto, risalgono alla Seconda Guerra Mondiale e si collocano geograficamente in Inghilterra, a Londra. Eppure è un peccato, perché la storia di Faith è straordinaria e, per certi versi, davvero magica.

Oggi, la chiesa di St Augustine e St Faith praticamente non esiste più, con la sola eccezione della torre, che è oggi divenuta parte della scuola di canto della cattedrale di St Paul.

banner

Nel 1936, invece, la chiesa di St Augustine e St Faith era invece ancora integra e in piena attività, sotto la direzione di Padre Ross.

L’arrivo di Faith alla chiesa di St Augustine e St Faith

Ed è proprio qui che la nostra eroina felina, Faith, ha cercato riparo e calore. Tre volte il sagrestano, il signor Evans, l’ha cacciata. E altrettante lei ha perseverato, ritornando presso l’edificio religioso. Quando Padre Henry Ross l’ha incontrata, un mattino che stava conferendo con Evans nella sua casa parrocchiale, ha deciso di darle asilo e ha persino affisso un avviso affinché la sua famiglia potesse ritrovarla. Nessuno, però, l’ha reclamata. Ed è così che Faith è diventata la gatta della chiesa, guadagnandosi il nome con cui è conosciuta.

“Dopotutto, ha parte del nome della nostra chiesa; e ha avuto la fede di tornare e ritentare dopo che tu l’hai cacciata via per tre volte”,  si narra abbia detto Padre Ross al suo sagrestano in quell’occasione.

Da allora, Faith è diventata parte integrante della chiesa. Si è conquistata un posto ai piedi di Padre Ross durante i sermoni, e ha conquistato le aiutanti del sagrestano, Ruth e Clara, la di lui moglie Rosalind e persino tutta la congregazione di fedeli. Ogni mattina saltava sul letto del Padre, chiedendo a gran voce la sua colazione.

faith gatta seconda guerra mondiale
Fonte: http://www.purr-n-fur.org.uk/

Faith e il piccolo Panda

Bisogna saltare in avanti di quattro anni per giungere al secondo avvenimento rilevante della vita di Faith. Nell’agosto del 1940 quando la micia ha dato alla luce un singolo cucciolo. Il piccolo, dal pelo bianco e nero pezzato, è stato battezzato Panda. Il lieto evento è stato annunciato sulla bacheca, e celebrato da tutti i fedeli durante un breve servizio corredato dalla voce del coro e da All things bright and beautiful. 

Il brutto presentimento di Faith

A questo punto della storia, diventerà evidente perché la gatta Faith e la sua storia di fede siano davvero straordinarie. Fino ad ora l’immagine intessuta è quella di una gattina dolce. Ora, vedremo che in lei c’è molto di più…

Il 6 settembre, Faith ha iniziato a comportarsi in modo strambo. Ha chiesto, con insistenza, che le venisse aperta la porta del seminterrato. E lì è scesa, portando con sé il piccolo Panda. Nel seminterrato non c’erano altro che vecchi giornali e libri, spartiti musicali e tanta polvere, nonché abbastanza freddo. Più volte, nel corso della giornata, Padre Ross ha riportato di sopra Panda, temendo per la sua salute. Altrettante, Faith lo ha condotto nel seminterrato. Alla fine, anche sotto consiglio di Ruth, Clara e Rosalind il Padre ha deciso di assecondare quello che sembrava un capriccio, sistemando persino nel luogo scelto la cuccia di mamma e piccolo.

In realtà, proprio questa scelta ha salvato la vita dei due gatti. Il 7 settembre, un primo raid aereo ha colpito Londra. Due giorni dopo, il 9 settembre, il secondo raid ha pressoché raso al suolo la chiesa di St Augustine e St Faith. A quella notte terribile, Faith e Panda sono sopravvissuti grazie all’intuizione e all’insistenza di mamma gatta.

La targa dedicata alla gattina

E Padre Ross, meravigliato, ha dedicato una targhetta molto speciale alla sua micia.

“Faith”
La nostra gatta della chiesa di St. Augustine e St. Faith.

La gatta più coraggiosa del mondo.
Lunedì 9 settembre del 1940 ha dovuto subire orrori e pericoli indescrivibili.
Ha fatto da scudo al suo cucciolo in un angolo della casa, da lei scelto tre giorni prima della tragedia, e è rimasta con lui per tutta quella terrificante notte di fuoco e bombardamenti.
Il tetto e la muratura sono esplosi. L’intera casa era in fiamme. Quattro piani le sono crollati di fronte agli occhi. Intorno a lei, fuoco, acqua e rovina.
Nonostante questo, è rimasta calma e salda, aspettando aiuto.
L’abbiamo soccorsa nella prima mattinata, quando il fuoco ancora imperversava, e per pietà di Nostro Signore lei e il suo cucciolo erano non solo salvi, persino illesi.
Rendiamo grazie a Dio per la sua bontà, e per aver avuto pietà della nostra cara gattina.

Giusto in tempo e tutto grazie alla testardaggine di Padre Ross, aggiungeremmo noi, perché se solo fosse intervenuto un po’ più tardi e non avesse sfidato l’ordine di non avventurarsi all’interno Faith e Panda avrebbero visto crollare su di loro le fondamenta.

La famiglia felina ha in seguito vissuto nella casa del sagrestano.

Le medaglie per il coraggio

Il tempo è trascorso, la gatta Faith e la sua storia di fede sono passate di bocca. Fino a quando un giorno la vicenda è giunta alle orecchie di Maria Dickin, fondatrice dell’organizzazione animalista PDSA e ideatrice della medaglia d’onore “Dickin Medal”, per gli animali distintisi per coraggio durante la guerra.

A essere precisi, è stata Rosalind, la moglie del sagrestano, a contattare la PDSA. E sebbene la medaglia d’onore fosse riservata agli animali risultati attivi sul campo, la stessa Maria Dickin ne ha creato una versione unica solo per Faith considerando l’eccezionalità della sua storia. Grazie all’iniziativa delle donne della parrocchia, persino l’Arcivescovo di Canterbury, Geoffrey Fisher, è stato presente alla consegna della medaglia! Era il 12 ottobre 1945.

Le foto della cerimonia sono comparse su diversi giornali, e quando un americano ha visitato la chiesa e ascoltato la storia di Faith ha deciso di renderne partecipe un’associazione di New York, la Greenwich Village Humane League. Così, proprio da questa associazione Faith ha ricevuto una medaglia d’argento. Ha avuto l’onore di venire ritratta, e la sua storia è diventata parte del volume antologico dedicato agli animali eroici, They Also Serve.

La vita di Faith, a dispetto della fama, è continuata con tranquillità. Il 28 settembre 1948 se n’è andata, circondata dall’amore di Padre Ross, del suo sagrestano e delle di lui assistenti. Dopo di lei, Padre Ross non ha più voluto un altro gatto al suo fianco.

E Panda? Seguendo le orme della madre, è diventato ospite di una residenza per anziani di Herne Hill, non lontana da Londra.

Fonte: https://en.wikipedia.org/

Si dice che gli edifici abbiano una loro memoria. Se è così, senza dubbio la torre di St. Augustine non ha mai dimenticato la sua Faith.