La gatta Szyszka e la sua adozione fallita, una storia triste di poco amore

Non tutti gli adottanti sono uguali. Non sempre, nonostante i ripetuti appelli di volontarie e gattare, chi decide di portare a casa con sé un animale considera tutte le responsabilità del caso e le difficoltà a cui potrebbero andare incontro. Del resto, gli esseri viventi non sono macchine e possono faticare a adattarsi alla nuova vita che hanno davanti. La gatta Szyszka e la sua adozione fallita sono testimonianza di tutto questo.

La gatta Szyszka e la sua adozione fallita
Fonte: https://www.facebook.com/tyMMMczasy

Szyszka, questa gattina ritratta in foto, era stata in gabbia per mesi, presso il rifugio “Fundacja Tymmmcczasy” di Varsavia, in attesa di qualcuno abbastanza gentile e innamorato di lei da portarlo a casa con sé. Quella persona sembrava giunta, perché un giorno la micia ha lasciato la sua gabbia con la prospettiva di entrare a far parte di una nuova famiglia.

banner

Il sogno, però, si è infranto ancora prima di iniziare. La famiglia che l’aveva scelta l’ha riportata indietro. La sua colpa? Aver fatto la pipì sul letto.

La gatta Szyszka e la sua adozione fallita sono un esempio di come, anche chi adotta un animale, pensi forse di avere a che fare con un peluche e non con una creatura che ha le sue necessità e può aver bisogno di tempo e pazienza.

La gatta Szyszka e la sua adozione fallita
Fonte: https://www.facebook.com/tyMMMczasy

Il post del rifugio, parzialmente tradotto in italiano, contiene il seguente testo:

Vedi questi occhi rassegnati?
Ecco come appare un gatto che ha dormito nel letto per 4 giorni e si ritrova di nuovo in una minuscola gabbia.
Szyszka è tornata in clinica … è tornata perché ha fatto pipì sul letto di chi l’aveva adottata.
Il gatto piangeva nel trasportino … E Monika con lei, sapendo che la stava condannando di nuovo a un metro di spazio.

… sai qual è la cosa più difficile da aiutare gli animali ??? Sfortunatamente, la necessità di collaborare con le persone …
Bene, niente … ora Szyszka verrà esaminata di nuovo, le prenderemo l’urina per le analisi, perché non ha mai fatto deiezioni fuori dalla lettiera, al rifugio.
Szyszka ha circa 1 anno e mezzo, è sverminata, sterilizzata, negativa ai test. 

Ora, questa micia è nuovamente in adozione. E noi speriamo che la volta successiva, per lei, sia quella buona!