La gatta Tombili ha finalmente la sua statua: una vittoria per Istanbul!

Qualcuno tra i lettori forse si ricorderà di Tombili, la gattona di strada amata da tutta Istanbul e deceduta nel mese di agosto, in cui memoria i cittadini chiesero alla città una statua. L’idea era di ritrarla come amava sistemarsi in vita, appoggiata col gomito al suo marciapiede preferito. La petizione lanciata online ha totalizzato ben 17.280 firme, e così è partita la progettazione della statua! Oggi, la gatta Tombili ha finalmente la sua statua.

tombilistatua1
Fonte: http://www.lastampa.it/

Eccole a confronto, Tombili con la sua raffigurazione in bronzo. Forse la replica in bronzo ha snellito un poco la miciona, ma a parte questo dettaglio di poco conto l’impegno nel riprodurre la posa preferita di Tombili merita, davvero, un inchino.

banner

Questo l’epitaffio dedicatole dai cittadini di Istanbul:

 Vivrai nei nostri cuori. La mascotte delle nostre strade, l’amatissimo Tombili ha perso la sua battaglia per la vita e ha chiuso gli occhi alla vita il primo di agosto.

A testimoniare quanto le persone fossero affezionate al felino, c’è anche il fatto che anche ora che Tombili non cammina più tra strade e negozi a reclamare coccole e cibo qualcuno lascia vicino alla statua una manciata di croccantini e un bicchierino. A decorarle la zampetta, un ciondolo che assomiglia molto a un rosario.

tombilistatua2
Fonte: http://www.lastampa.it/

La statua non manca neppure di attirare l’attenzione degli altri felini del quartiere. Impagabile l’espressione, tra l’incuriosito e lo sbigottito, di questo gatto bianco-tigrato di fronte alla versione in bronzo dell’amata Tombili!

tombilistatua3
Fonte: http://www.lastampa.it/

Se pure è vero che la statua è stata inaugurata soltanto da pochi giorni, è difficile non notare il modo in cui è tenuta pulita, segno che i cittadini se ne curano come, a suo tempo, si sono presi cura della vivente Tombili.

Amata in vita, amata in morte, si può dire che davvero per certi versi Tombili abbia vissuto la migliore delle vite. E ora che la gatta Tombili ha finalmente la sua statua, la ricorderanno anche le generazioni successive a questa presente.