La loro gatta scappa e si allontana di 200 Km, sopravvive grazie a un cane randagio

La loro gatta scappa e si allontana di 200 Km, sopravvive grazie a un cane randagio

È stato ripetuto il contrario talmente tante volte che ormai dovrebbe essere chiaro per chiunque, eppure c’è ancora chi sostiene che un gatto abbandonato sopravviva senza difficoltà. Non è così. Qualsiasi animale abituato a essere nutrito da terzi e lontano dai pericoli della strada, non ha modo di essere preparato a quanto giace oltre la porta di casa sua. Lo stesso rischio corre un animale smarrito. Per fortuna, a volte le circostanze giocano a favore. È di esempio la storia dei signori Brondan: la loro gatta scappa e si allontana di 200 Km. È sopravvissuta grazie a un cane randagio.

Un cane come angelo custode per la gatta Cindy
Fonte: https://www.lastampa.it/

Da quando aveva due mesi di vita, Cindy ha vissuto nell’area della sua casa, tra giardino e interno. Per questo, quando è scomparsa, la sua famiglia, la famiglia Brondan, si è preoccupata non poco, come riportato da LaStampa.it.

banner

Ci siamo spaventati moltissimo perché non è una gatta capace di badare a se stessa. Ha sempre vissuto qui, e non sarebbe pronta per un vita da “randagia” sulle strade della città.

Ovviamente, hanno diffuso a spron battuto volantini per la città e un appello di smarrimento sui social, ma tutti i loro sforzi sembravano servire a raggiungere lo scopo prefissato.

È stato solo quattro mesi dopo, un tempo interminabile per una famiglia in ansia, che sono giunte notizie in merito a Cindy.

Forse ho trovato la vostra gattina, si trova a duecento chilometri di distanza.

Questo è stato riferito al telefono, e ovviamente i Brondan sono corsi a vedere se si trattasse effettivamente di lei. Ad aspettarli c’era proprio Cindy, che è corsa loro incontro come se non fosse passato un giorno.

E non era sola.

Fonte: https://www.lastampa.it/

Con lei c’era un cane randagio, che pare proprio l’abbia aiutata e protetta nel momento di maggior bisogno, aiutandola a sopravvivere. E i due si sono dimostrati da subito inseparabili.
I residenti del posto ci hanno detto che i due sono inseparabili, e che il cane si è preso cura di lei in maniera amorevole proteggendola dai pericoli. Il loro è stato un incontro stupefacente. Ha dichiarato la signora Brondan.

Increduli e commossi, i Brondan hanno adottato anche il randagio. Ora il suo nome è Angel: dopotutto, per Cindy è stato un angelo!

Un cane come angelo custode per la gatta Cindy, crediamo, ha fatto la differenza tra vita e morte per lei. E chi dice che cane e gatto debbano bisticciare per forza?