L’invenzione della lettiera per gatti

Ah, la lettiera agglomerante: come faremmo, oggi, a sopravvivere senza? Oltre a “fare la palla” e renderci molto più facile raccogliere i bisogni di Micio, ci aiutano a minimizzare l’odore poco gradevole degli escrementi. Ebbene, se oggi possiamo beneficiare di questi vantaggi è merito di un signore di nome Edward Lowe, colpito da una geniale intuizione nel 1947. L’uomo di cui parliamo gestiva assieme al padre un negozio di prodotti assorbenti per l’industria, come segatura, ghiaia, sabbia e granuli di argilla nella città di Cassopolis.

banner

Ed Lowe

Un tempo, a riempire le cassette destinate ai bisogni dei gatti erano materiali derivati dalla combustione del legno, quali sabbia, segatura o cenere. Questi tipi di materiali non solo non erano inutili nel ridurre l’odore, ma avevano anche l’inevitabile difetto di appiccicarsi ai gommini dei mici e quindi diffondersi per tutta la casa a causa del loro zampettare.

È quasi per caso, in seguito a un vero e proprio lampo di genio, che al signor Lowe viene l’idea del secolo: perché non provare a utilizzare l’argilla granulata? Se è in grado di assorbire le macchie delle perdite di olio nelle officine, allora forse potrà assorbire anche altri materiali liquidi e semiliquidi. A testare l’ipotesi è la signora Kate Draper. Il risultato? Un successo clamoroso. Si tratta ancora di una lettiera non agglomerante, ma poco importa evidentemente,  perché il negozio di animali della città inizia a vendere la prima lettiera a minerali argillosi e non molto tempo dopo Edward Lowe fonda la Edward Lowe Industries. Il suo prodotto di punta, la lettiera per gatti, nel 1964 prende il nome di “Tidy Cat”.

Edward Lowe si spegne nel 1995, lasciandosi alle spalle un business milionario, che ha rivoluzionato la vita degli umani conviventi con gatti e che continua a farlo ancora oggi.

Per le lettiere costituite da minerali argillosi e agglomeranti occorrerà aspettare gli anni ´70. Quel che conta è che l’invenzione di questo signore ha aperto la strada a un miglioramento costante della tecnologia delle lettiere.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Perchè il mio gatto non fa i bisogni nella lettiera?