Millie, la gatta dell’Università di Chester, una calico molto speciale!

La pet therapy, oltre a essere un trattamento dalla comprovata efficacia, assume molte forme e funziona in molteplici campi. Non è più inusuale, tra le altre cose, trovare gatti in strutture votate all’istruzione: l’Università di Ausburg ne è un esempio, mentre a Canberra a combattere l’ansia da esami aiutano proprio i nostri felini preferiti. A tal proposito Millie, la gatta dell’Università di Chester, merita certamente una menzione.

banner

Non ci è noto come Millie sia approdata all’Università di Chester, ma quello che si sa è che pur avendo una casa tutta sua apprezza moltissimo l’ambiente accademico. E senza dubbio alcuno, gli studenti sono i più grati per la sua presenza.

Non è raro infatti che Millie si intrufoli nelle aule, qualche volta occupando persino… la sedia riservata al docente.

Foto di Chloe. Fonte: @chloegittins

E scherzando, c’è chi la definisce la migliore tra gli insegnanti.

“È, ad oggi, il mio insegnante preferito”, ha dichiarato la studentessa Chloe.

Tuttavia, la calico non trascura nemmeno l’area uffici. In effetti, è stata vista più volte leggere con attenzione i consigli per scrivere un CV. Che voglia entrare a far parte dell’organico?

Fonte: Università di Chester

Sicuramente, fa già bella figura su una sedia girevole!

Fonte: Università di Chester

E quando si stanca di dispensare saggezza felina, c’è sempre un divanetto comodo ad attenderla.

Fonte: Università di Chester

O una sedia. Le coccole, comunque, non le mancano mai!

Fonte: Università di Chester

In altre parole, l’Università di Chester, per Millie, è come una seconda casa.

Fonte: Università di Chester

Basta vedere con quanta naturalezza si muove e gioca in questa foto, per non avere alcun dubbio in merito!

Fonte: Università di Chester

C’è chi potrebbe obiettare che la sua presenza distrae gli studenti. Noi, al contrario, pensiamo che faccia sì che si presentino alle lezioni con umore migliore e molto più volentieri di quanto non farebbero normalmente.

Fonte: Università di Chester

Lunga vita a Millie, la gatta dell’Università di Chester!