Mitzy ha visitato la sua umana in ospedale. Una riunione commovente!

Il tema delle visite di animali domestici tra le pareti ospedaliere è, anche in Italia, particolarmente caldo di recente. Più di una persona comincia a chiedersi perché chi sia costretto a una degenza lunga e faticosa non possa rivedere il suo amico a quattro zampe. Alcune regioni hanno già compilato un regolamento, mentre altri casi, molto più sorprendenti in positivo, narrano di conquiste ben più ingenti in questo campo. In tutto questo, almeno un risultato, un bel risultato, c’è: la micia Mitzy ha visitato la sua umana in ospedale. E basterebbe questa foto per rendere chiaro com’è andata!

Fonte: http://www.lovemeow.com

L’incontro è avvenuto dopo tre settimane di separazione. Non sappiamo dirvi, con precisione, che iter sia stato seguito per ottenere il permesso o quanto tempo sia stato necessario; e del resto, considerando che questa storia ha avuto luogo al di fuori dell’Italia, anche questo dettaglio giuridico non è di grande interesse per i più, probabilmente.

banner

Molto più commoventi, e dolci, sono le fotografie che testimoniano la riunione tra gatta ed umana.

Fonte: http://www.lovemeow.com
Fonte: http://www.lovemeow.com
Fonte: http://www.lovemeow.com

Il racconto che segue, invece, raccolto da Lovemeow.com, è di un’amica di famiglia.

“La mamma del mio amico ha avuto un ictus, di recente. Si sta riprendendo bene, ma non vedeva la sua gatta Mitzy da quasi tre settimane. Alla fine, siamo riusciti a portare la micia con noi all’interno dell’unità di riabilitazione in cui la signora è ricoverata.

Da quando è uscita dal trasportino, Mitzy non ha più voluto scendere dalle sue ginocchia”

Fonte: http://www.lovemeow.com

Questa è, se mai servisse, l’ennesima dimostrazione pratica del fatto che il gatto ha eccome una memoria emotiva, e di chi ha lasciato un’impronta significativa nella sua vita si ricorda eccome. Mitzy ha visitato la sua umana in ospedale, e ha dimostrato ampiamente di sentirne la mancanza.