Ozzy, il micio strabico

Oggi vi presentiamo Ozzy, un micio scozzese molto particolare. Un po’ come Bagheera de Il libro della giungla, si ritrova infatti con una condizione visiva strabica.

ozzy

banner

ozzy2

Lui e il suo umano, Ian McDougal, si sono scelti nonostante Ozzy fosse la “pecora nera” della cucciolata proprio a causa dei suoi occhi. Il sospetto è che Ozzy abbia guadagnato i suoi occhi strabici in seguito a una caduta dal davanzale durante cui avrebbe sbattuto la testa. Nondimeno, il micio non sembra soffrire della sua condizione: nonostante non sia dotato di visione laterale, si diverte come qualsiasi gatto a giocare e dare la caccia alle mosche, e si muove senza alcun problema in casa. E il signor McDougal ha dichiarato che non scambierebbe Ozzy con nessun altro gatto. L’unico “problema di convivenza” che hanno i due è che il micio tende a volte ad avventurarsi all’esterno nonostante gli sforzi del suo umano per impedirglielo, faticando poi a ritrovare la via di casa. L’ultima volta è accaduto quando il figlio dell’uomo ha lasciato socchiusa la porta un istante di troppo, ma anche stavolta tutto è andato per il verso giusto.

Ozzy e Ian
Ozzy e Ian

Il lettore attento e appassionato di gatti si accorgerà che Ozzy non è il primo gatto “non perfetto” (anche se il gatto è perfetto per definizione!), che però vive comunque alla grande. Qui Su G come Gatto abbiamo già parlato ad esempio del disturbo noto come ipoplasia cerebellare felina, o dei disturbi fisici che rendono la buffa Lil Bub tanto adorabile. Se vogliamo, Ozzy è l’ennesimo esempio di come un essere vivente sappia adattarsi alla natura e di come valga la pena dare un calcio alla “legge del più forte”: non c’è assolutamente niente in questi gatti che li renda meno smaniosi di vita rispetto ai loro fratelli privi di imperfezioni, e sarebbe quindi un peccato pensare che, solo perché sono nati imperfetti, meritino un’eutanasia o peggio. Vale la pena di ribadirlo perché ancora troppe persone pensano che gatti come Ozzy o Lil Bub soffrano, e sia meglio risparmiare loro una vita dolorosa