Perché quando il gatto annusa qualcosa rimane con la bocca aperta?

Perchè quando il gatto annusa qualcosa rimane con la bocca aperta?

Le curiosità del mondo animale, in particolare quello felino, sono davvero tante. Esistono atteggiamenti che non riusciamo a spiegarci perchè troppo diversi dal nostro modo di agire. Uno di questi è il flehmen, di cui parliamo oggi.
Sicuramente vi sarà capitato di vedere il vostro micio che annusa qualcosa e, subito dopo, resta per qualche secondo con la bocca aperta. Così, per intenderci:
giphy

Perchè quando il gatto annusa qualcosa rimane con la bocca aperta?
Verrebbe da pensare che il gatto abbia questa espressione perchè il suo umano è un puzzone, e in parte potrebbe anche essere vero. Ma non è per questo che fa questa buffa espressione!

Questa smorfia ha un nome: flehmen (dal tedesco: “incurvare il labbro superiore”, n.d.r.), ed è tipico degli ungulati e dei mammiferi. Vediamo perchè e cos’è!

banner

Come è risaputo, i gatti hanno un olfatto molto sviluppato: posseggono circa 200 milioni di recettori olfattivi, molti più degli amici cani! Utilizzano l’olfatto per ricavare informazioni dall’ambiente circostante; in pratica, è come se “vedessero” attraverso il naso.
Come molti mammiferi, i gatti sono dotati di un organo vomeronasale, o organo di Jacobson. È una regione sensoriale collocata sotto al palato, dietro gli incisivi superiori, in prossimità della cavità nasale; in sostanza è “organo olfattivo accessorio”.

vomeronasale gatto
Illustrazione che mostra la collocazione dell’organo vomeronasale. Fonte: http://animalisos.altervista.org/2vomeronasale.php

Quindi, il flehemen serve per favorire il passaggio dell’odore nell’organo vomeronasale e, così, per poterlo analizzare in maniera approfondita e tradurre le informazioni che quell’odore porta. Quest’organo è particolarmente utile per percepire i feromoni, siano essi rilasciati da una gatta in calore o da un maschio che ha marcato il territorio.

La faccia stranita che vedete, dunque, non è stupore per un odore nuovo, bensì un modo molto efficace di conoscere il mondo esterno. Curioso, vero?