Quali sono le caratteristiche di un amante dei gatti? Eccole!

Seppure esistano tratti comuni a tutti i nostri amati felini domestici, come è stato ribadito in più occasioni, ogni singolo gatto ha la sua personalità specifica. E sebbene sia vero che noi possiamo influenzare il carattere del nostro micio, pare che anche noi, a nostra volta, facciamo nostre alcune delle loro abitudini. Così almeno sosterrebbero alcuni ricercatori dell’Università di Austin, in Texas, guidati da Samuel Gosling. Che in questo modo hanno compilato una lista, riguardante le caratteristiche di un amante dei gatti più diffuse.

Quindi, quali sono le caratteristiche di un amante dei gatti? Eccole!

banner

L’amore per il sonno

Le caratteristiche mentali dei gattofili
Fonte: www.catster.com

È cosa nota che i gatti adorano dormire. Il loro è, ancor di più, un bisogno fisiologico.

Vivendo a stretto contatto con un gatto, è quasi inevitabile iniziare ad apprezzare l’arte del riposo. E anche quando manca la voglia di dormire, il relax può risultare molto, molto allettante. Più attraente, a volte, di una serata con gli amici.

L’indipendenza

Le caratteristiche mentali dei gattofili
Dammi la libertà, oppure del cibo per gatti! Aspetta. Sai cosa? Ho già la mia libertà, tanta. Mandami soltanto il cibo. Fonte: www.motherjones.com

Chi si è premurato di interessarsi un po’ alla figura della cosiddetta “crazy cat lady”, lo sa bene. Le prime, tra di esse, erano donne in grado di mantenersi e cercare un posto nella società senza l’aiuto di una figura maschile.

In altre parole, modelli di indipendenza.

Spesso, chi ama i gatti è proprio come loro. Non ama obbedire ciecamente, sa prendere decisioni in piena autonomia, è in grado di prendersi cura di se stesso, affronta i problemi di petto e, se naviga in cattive acque, generalmente migliora la propria condizione da solo.

È inevitabile, per certi versi, che tra le caratteristiche mentali dei gattofili sia inclusa anche l’indipendenza.

Del resto, pare lo sostenesse anche Jean Jacques Rousseau…

Rousseau: «Vi piacciono i gatti?».
Boswell: «No».
Rousseau: «Ne ero sicuro. È un segno del carattere. In questo avete l’istinto umano del dispotismo. Agli uomini non piacciono i gatti perché il gatto è libero e non si adatterà mai a essere schiavo. Non fa nulla su vostro ordine, come fanno altri animali».
Boswell: «Nemmeno una gallina, obbedisce agli ordini».
Rousseau: «Vi obbedirebbe, se sapeste farvi capire da essa. Un gatto vi capisce benissimo, ma non vi obbedisce».

L’introversione

Le caratteristiche mentali dei gattofili
Immagine a opera di Gemma Correll.

L’introverso, contrariamente alla credenza comune, non è un anti-sociale che rifiuta del tutto le interazioni dirette con il mondo. Si tratta in verità di un tipo di persona che, sì, passa volentieri una serata al pub con amici, ma ha bisogno, periodicamente, di ricaricare se stesso trascorrendo un po’ di tempo in tranquillità.

Proprio come accade ai gatti, a ben pensarci.

La sensibilità

Gli amanti dei gatti sono spesso persone molto sensibili e altruiste. Sono disponibili ad aiutare gli altri e sono anche molto empatiche.

caratteristiche degli amanti dei gatti

E voi? Vi riconoscete in queste caratteristiche?