Ranger Bob, il gattino allattato e cresciuto da Danica ha trovato una favolosa famiglia

Al Paws N Claws Freedom Rescue Society, un rifugio per animali in Canada, qualche tempo fa è arrivato un gattino rosso bellissimo, con un segno particolare. Il suo segno distintivo, infatti, è quello di voler essere sempre al centro dell’attenzione, come in un grande palcoscenico. In questo articolo vi raccontiamo la sua storia.

Foto di Danica Floto

Piacere, Ranger Bob

Il gattino in questione si chiama Ranger Bob, ed è stato affidato al rifugio canadese perché la sua mamma non ha potuto prendersi cura di lui. Non ha fratelli né sorelle, ma una volontaria della struttura ha deciso di accoglierlo in casa provvisoriamente, per dargli le cure necessarie di cui ogni cucciolo ha bisogno. Danica, questo è il nome della volontaria, lo ha allattato artificialmente facendo le veci di mamma gatta.

banner

Ranger Bob insieme ad un altro trovatello. Foto di Danica Floto

In poco tempo, Roger si è affezionato moltissimo alla donna, tanto da starle sempre “attaccato”. “Vuole sempre essere portato in braccio e allora qualche volta l’ho fatto sedere nel cappuccio della mia felpa – racconta la volontaria – indossandola al contrario in modo da tenerlo davanti a me”. Il micio vuole essere sempre al centro dell’attenzione, e segue la donna anche quando lei lavora al pc. Ma Roger si è integrato bene anche con il resto della famiglia, facendo subito amicizia con gli altri gattini.

Da Ranger Bob a Rusty

Ma come spesso accade, quando la sua crescita lo ha permesso, a Roger è stata trovata una nuova sistemazione e famiglia. Dopo essere stato svezzato e abituato alla lettiera, il micio ha subito ricevuto una proposta di adozione.

Così, si è trasferito nella nuova casa, dove si è già ambientato alla perfezione. Ora il suo nome è Rusty e vive insieme ad altri due quattro zampe: la gatta Luna e il cane Titan. Anche la sua nuova umana fa sapere che il gattino le sta sempre incollato: “Se non lo prendo in braccio si arrampica sulla mia gamba. È adorabile”.