Robot australiani contro i gatti selvatici

Del problema della sovrappopolazione di gatti selvatici in Australia e  della tendenza ad applicare soluzioni violente per risolvere il problema si è già parlato. Per ricapitolare, in breve, in Australia i gatti selvatici sarebbero una vera piaga per la fauna locale a causa della loro natura di cacciatori, tanto da spingere le autorità a contemplare un massacro su larga scala. La riprovevole iniziativa è giunta a nuove frontiere: ” l’ecologista “John Read ha progettato dei robot con il preciso scopo di spruzzare veleno sui gatti selvatici.

AustraliaRobot1
John Read con una delle sue macchine. Fonte: www.theguardian.com

Si tratta di robot con “vista a laser” che spruzzerebbero il veleno solamente sul pelo di creature con le caratteristiche fisiche specifiche dei gatti; vale a dire, della stessa altezza, con le zampe sottili, la coda di una certa lunghezza, le orecchie a punta e via dicendo. Il veleno dovrebbe appunto finire sul pelo, ed essere poi ingerito durante le ingenti operazioni di pulizia feline.

banner

Per quanto riguarda il tipo di veleno specifico, si tratta di una tossina denominata “fluoroacetato” o 1080, già presente in maniera cospicua in diverse piante australiane e che quindi, in caso di spruzzo erroneo da parte del robot, non dovrebbe causare danni ingenti o irreversibili ad altri animali. Il fluoroacetato è però anche ad azione lenta, il che significa che i gatti selvatici rischiano di morire tra lunghe e atroci sofferenze.

Al di là del fatto che le soluzioni in stile massacro non ci piacciono a prescindere, quel che viene da chiedersi è se i robot di John Read siano affidabili come vengono dipinti. Di animali ne esistono in tutte le salse e colori, e che succede se la macchina sbaglia i suoi calcoli? O se il veleno manca il suo bersaglio e finisce sul terreno, su un albero o una pianta invece che sul gatto? Non si avrebbero anche così danni collaterali? Senza contare, inoltre, che un robot è un elemento estraneo in ambiente selvatico e potrebbe disturbare il ciclo vitale degli animali con la sua sola presenza. Ma davvero gli esperti australiani non riescono a pensare a nulla di meglio?