Salvato un gattino da un tombino a Napoli, grazie a una volontaria

Salvare una vita è facile, quando basta un gesto semplice e non servono grandi sforzi. Tutt’altra faccenda è trovare qualcuno abbastanza determinato da intervenire quando, come dicono nei film, “il gioco si fa duro”. Proprio grazie all’intervento di una volontaria pronta a investire tempo e che non ha temuto un po’ di fatica, è stato salvato un gattino da un tombino a Napoli.

gattino tombino ospedale cardarelli

banner

È stato il 14 gennaio, per la precisione grazie a una dipendente dell’ospedale Cardarelli, che ci si è accorti del felino prigioniero. Probabilmente il micio, spaventato, si è infilato in una caditoia priva di rete e in seguito non è più riuscito a risalire da solo. Così, ha iniziato a chiedere aiuto con sonori vocalizzi.

I volontari e la popolazione non sono rimasti indifferenti alla situazione. Le forze dell’ordine intervenute, ovvero i vigili del fuoco, non sono state in grado di mettere in salvo il gatto. E ugualmente le Asl hanno fallito. Anche i tentativi di una squadra di operai impiegata nelle vicinanze sono risultati infruttuosi.

Il micetto, affamato, ha accettato con gratitudine gli scampoli di cibo regalatigli con l’obiettivo di aiutarlo a risalire, tramite travi, corde, o secchi, ma lo spavento e il timore verso le persone ha sempre prevalso e lo ha fatto desistere, facendogli preferire la sicurezza di una tubazione vicina.

Sembrava proprio non ci fosse salvezza per questo gattino… fino a quando non è intervenuta una volontaria in particolare.

Domenica 20 gennaio, la ragazza si è presentata con lo zio, munita di cibo per attirare il felino. Prima ha tentato, senza successo, di usare un telone con dentro un po’ di pappa, con l’idea di sfruttarlo come una rete. Quando anche ciò non ha sortito risultati, ha preso il “toro per le corna”: si è calata per metà dentro al tombino, con lo zio e alcune persone a sostenerla. E usando il telone come “trappola”, è finalmente riuscita a riportarlo alla luce.

Ma non finisce qui. Non solo è stato salvato un gattino da un tombino a Napoli. Ora ha anche una famiglia tutta sua: una ragazza in visita presso un parente ricoverato al Cardarelli lo ha portato a casa con lei.

Tutto è bene quel che finisce bene!