“Sono comunque un gatto”: Monica Malek e la disabilità felina

Prec1 of 2Succ
Usa ← → le frecce per cambiare pagina

Della disabilità nei mici abbiamo parlato tanto, e tante volte. Chi ci legge da un po’ sa che aborriamo l’idea di sopprimere o abbandonare un gatto perché cieco, tripode, senza coda, o che in qualche modo non risponde all’immagine perfetta e canonica che si ha in genere dei gatti. Vi abbiamo raccontato come tre gatti hanno sconfitto la disabilità, abbiamo elaborato i motivi per cui adottare un micio disabile. Ora vi proponiamo una vera e propria galleria dedicata ai gatti disabili. Le foto sono della fotografa Monica Malek, e il nome, significativo, della galleria è Sono comunque un gatto (I am still a cat, in lingua originale). Il messaggio è chiaro: poco importa se un micio ha un occhio, un arto o una coda in meno. Come la fotografa stessa dichiara, a dispetto di ciò questi animali fanno corse notturne, giocano, si lavano con cura e fanno le fusa come tutti i gatti.

banner

Malek_GattiDisabili1
Kazik
Malek_GattiDisabili2
Ficus
Malek_GattiDisabili3
Simba
Malek_GattiDisabili4
Keiko

Esattamente. Kazik, Ficus, Simba e Keiko sono tutti e quattro tripodi, ma non hanno difficoltà a saltare quanto e più dei loro compari felini regolarmente dotati di quattro zampe. Queste foto lo testimoniano senza ombra di dubbio… E quanto a Keiko, come può essere finita nello scatolone se non con le proprie forze?

Malek_GattiDisabili5
Rapidka
Malek_GattiDisabili6
Sherlock
Malek_GattiDisabili7
Szafir
Malek_GattiDisabili10
Citek
Malek_GattiDisabili9
Amber

Prec1 of 2Succ
Usa ← → le frecce per cambiare pagina