Torino dedicherà il 2020 al gatto: in arrivo aiuti per le colonie

Tante sono, ormai, le iniziative dedicate al nostro felino preferito. Rimanendo in tema, non si può certo non ricordare la giornata nazionale del gatto; il lettore assiduo, inoltre, ricorderà certamente il Miao Day di Milano, o “Il gatto in città” di Padova. Quella prevista a Torino per l’anno appena iniziato, però, promette particolarmente bene. Infatti, Torino dedicherà il 2020 al gatto, con un particolare occhio di riguardo per le colonie feline.

Torino dedicherà il 2020 al gatto
Fonte: http://www.aleguardaigatti.it/

Nel capoluogo del Piemonte, del resto, hanno casa oltre 1.500 colonie feline. Proprio a loro hanno pensato la Città di Torino e l’Assessorato all’Ambiente. Nello specifico Carlo Mastrogiacomo, responsabile dell’Ufficio Tutela Animali del Comune di Torino, si è interessato alla situazione delle colonie e ne ha studiato lo stato. L’idea, ora, è di censire tutte le colonie feline della città per avere un quadro più nitido della situazione.

banner

Torino dedicherà il 2020 al gatto, quindi, e il primo passo è la promozione della vendita del calendario 2020 del canile municipale.

Non solo. È il comune stesso a promuovere la cultura della sterilizzazione, praticando la sterilizzazione dei randagi a sue spese. Se pure è vero che sarebbe dovere di ogni comune, Torino sembra davvero aver preso a cuore il problema.

Attualmente, è in atto un tavolo di lavoro a cui partecipano anche associazioni e gattare. Realtà come “Le Sfigatte”, nonché i volontari di “Mondo Gatto”, stanno collaborando con il comune allo scopo principe dell’iniziativa: sensibilizzare i cittadini all’adozione, far comprendere il valore “umano” e affettivo di un quattrozampe.

In un mondo spesso indifferente, anche a queste piccole vite, una buona volontà come quella espressa dal comune di Torino è qualcosa da ricordare ed elogiare.

Noi, da parte nostra, speriamo che questo esempio venga seguito e altri comuni muovano passi nella medesima direzione. Come per ogni obiettivo umanitario, educare la cittadinanza può essere la scelta vincente.