Turchia: plastica in cambio di cibo per animali

Il riciclo e il randagismo sono problemi certamente molto differenti, ma al tempo stesso legati, seppure in modo diverso, all’ambiente: sappiamo tutti quanto un riciclo intelligente possa beneficiare al nostro pianeta, e quanto agli animali sono abitanti della Terra proprio come noi e il modo in cui li “gestiamo” e li trattiamo può cambiare di molto la vita delle nostre città. Lo sanno bene i paesi in cui i cani randagi, spinti dalle violenze e dalla fame, si riuniscono in branchi potenzialmente pericolosi; e in qualsiasi città un animale randagio può essere causa di incidenti, se il guidatore sterza bruscamente per evitarlo. Viene da sé, ovviamente che la prima questione da risolvere è il benessere dei randagi in sé. La Turchia è tra i paesi con il tasso di randagismo più alto: si parla di 150 mila tra cani e gatti randagi. E così la società turca Pugedon ha partorito un’idea a dir poco geniale per contribuire sia al riciclo sia al benessere dei randagi. La notizia è del 2014 ma riteniamo che meriti rilievo.

Distributore1
Un cane e un gatto che si alimentano grazie alle macchine della Pugedon. Fonte: ecoliving.it

Queste sono le macchine installate dalla Pugedon a Instanbul. Il cibo per animali viene erogato in cambio dell’inserimento di materiali in plastica, come bottiglie e bottigliette, in un’apposita fessura. Il cibo, come si nota dalle immagini, esce nelle ciotole poste nella parte inferiore; la macchina è inoltre completa di una ciotola per l’acqua in cui versare l’eventuale acqua rimanente all’interno delle bottiglie. Il materiale riciclato copre il costo del cibo, senza spese aggiuntive per la cittadinanza.

banner

Il video qui postato illustra il funzionamento della macchina; riguarda un distributore per cani, ma come si può notare dalla foto sopra ne esistono ovviamente anche per gatti.

pugedon1

L’idea, non c’è neanche da dubitarne, è geniale ed evidentemente la Turchia è un paese educato al riciclo se anche solo un’azienda ha speso tempo e denaro per progettare queste macchine. Non è però chiaro se esse accettino solo bottiglie o anche altri rifiuti in plastica. Se davvero la macchina fosse progettata solo per accogliere bottiglie, modificarla in modo che anche altri tipi di rifiuti possano far erogare cibo sarebbe una mossa intelligente. Ma in ogni caso, un applauso alla Pugedon e alla sua idea innovativa, utile all’ambiente e compassionevole!