Un gatto salvato dall’eutanasia trova una nuova famiglia che lo ama

Si chiama Brigidino, e la sua storia ha fatto commuovere anche i cuori più duri. Questo dolcissimo gatto bianco e grigio è stato salvato dall’eutanasia ed ha trovato una famiglia che lo ha accolto e lo ama tantissimo.

Brigidino

Indice degli argomenti:

Chi è Brigidino

Brigidino è un micio randagio che si è ferito gravemente ad una zampa mentre passeggiava nei boschi. È finito, infatti, in una tagliola posizionata dai cacciatori per attirare la selvaggina. L’incidente ha provocato al povero felino la necrosi di una zampa, ma per fortuna le volontarie di un canile di Montecatini Terme lo hanno recuperato e accolto nel proprio rifugio. Brigidino è stato a lungo curato da un veterinario di buon cuore, che per mesi ha tentato di fare il possibile per evitargli l’eutanasia. Gli ha amputato la zampa in necrosi e lo ha tenuto in osservazione per quattro mesi, prima di considerarlo definitivamente guarito. Così, il micio a tre zampe, si è trasferito presso il canile Hermada, dove ha subito mostrato il suo bisogno di affetto.

banner

Ancora Brigidino prima dell’adozione

La nuova famiglia

Un bel giorno, una famiglia che già aveva avuto per anni un gattino con la stessa disabilità di Brigidino, ha letto l’appello su Facebook delle volontarie del canile. Per Brigidino si cercava una casa e delle persone che lo accogliessero donandogli tanto amore. Così, esattamente il 24 dicembre scorso, quindi proprio nel giorno della Vigilia di Natale, il micio si è trasferito nella sua nuova abitazione, a Bagno a Ripoli. Qui comincia la sua nuova vita, che gli auguriamo possa essere piena di gioia!

Fonte foto: https://www.facebook.com/groups/79068668850/permalink/10159117796878851