Un inferno di fuoco ha devastato l’oasi felina di Pianoro: urgono aiuti!

Ricorderà forse qualcuno dei lettori che abbiamo già parlato tempo addietro dell’oasi felina di Pianoro, per la precisione quando abbiamo promosso il loro “manuale” in vendita alla fine del 2020. Oggi è doveroso menzionare di nuovo questa struttura, stavolta per una ragione molto meno allegra: un inferno di fuoco ha devastato l’oasi felina di Pianoro, e i mici sopravvissuti hanno bisogno davvero di tutto.

incendio oasi felina di Pianoro
Fonte: https://www.facebook.com/oasifelina/

L’origine dell’incendio non è nota; non si rilevano presenze estranee tramite le telecamere, pertanto è possibile, seppur non certo, che si sia trattato di un cortocircuito. Le conseguenze sono comunque terribili.
Oltre metà dell’oasi è stata divorata dal fuoco, inclusa l’infermeria, dove erano ricoverati otto gatti che non hanno purtroppo trovato alcuna via di fuga.

banner

incendio oasi felina di Pianoro
Fonte: https://www.facebook.com/oasifelina/

La buona notizia, ora, è che tutti i mici che erano fuggiti per la paura sono stati ritrovati, o sono tornati di loro volontà a quella che chiamano casa. Gli interventi più urgenti, come il ripristino dell’energia elettrica, il riallaccio dell’acqua e del riscaldamento nonché l’applicazione di reti per isolare la zona dell’incendio, sono stati eseguiti grazie anche alla generosità di cittadini di buon cuore.

Rimane il fatto che un inferno di fuoco ha devastato l’oasi felina di Pianoro e queste volontarie e questi mici hanno bisogno di aiuto.

incendio oasi felina di Pianoro
Fonte: https://www.facebook.com/oasifelina/

In primo luogo, e prima di qualsiasi cosa, servono materiali di prima necessità per un’oasi, quali “cibo per gatti, disinfettanti, detergenti, candeggina in pastiglie, antiparassitari, piatti usa e getta e guanti usa e getta”, come spiegano le volontarie stesse in un recente post. Rimanere informati sull’andamento della situazione è semplice: basterà seguire la pagina Facebook dell’Oasi di Pianoro.

Chi volesse offrire una zampa ha due strade praticabili. 

La prima è la raccolta fondi promossa dell’oasi stessa. Aprendo la pagina web è possibile utilizzare l’apposita maschera per le donazioni, o in alternativa utilizzare l’iban segnalato nel riquadro in basso.

In seconda battuta, per i lettori della Valsamoggia e perché no, anche del modenese, segnaliamo l’iniziativa dell’Oasi Felina Valsamoggia – A Mici Miei odv, che fino a domenica pomeriggio accoglierà, al mattino tra le 9 e le 12 e al pomeriggio tra le 15 e le 18, chiunque voglia fare una donazione a favore dell’oasi di Pianoro.

Tutte le informazioni su come raggiungere l’oasi felina Valsamoggia sono disponibili sulla loro pagina Facebook.

Noi ci auguriamo un’ampia partecipazione, cosicché l’oasi felina di Pianoro possa presto reggersi nuovamente sulle proprie zampe con forza e orgoglio!