Un ospedale veterinario ha curato un gattino di peluche… per così dire

Si consiglia spesso, con anche un po’ di acidità, a chi non è in grado di prendersi cura di un animale in carne e ossa di limitarsi ai peluche. Un consiglio senza dubbio sensato. Eppure anche un gatto peluche può essere oggetto di storie carine e degne di essere raccontate. Nello stato di Washington, persino, un ospedale veterinario ha curato un gattino di peluche.

Fonte: https://www.lastampa.it/

Donnie, questo è il nome del micio, è il migliore amico di Jazmine, una bambina con bisogni speciali che è purtroppo limitata da una condizione di allergia nella scelta del suo compagno domestico. Quindi, pur amando i mici alla follia, è costretta ad accontentarsi di un peluche.

banner

Questo non le ha impedito, quando Donnie si è ritrovato con una “lacerazione ad una zampa”, in altre parole di un taglio nella stoffa, di preoccuparsi seriamente. La madre di Jazmine, dopo aver cercato di farla stare tranquilla inutilmente, ha chiesto alla Pioneer Veterinary Clinic di Moses Lake di visitare, in via eccezionale, un peluche. E per il bene della bambina, il dottor Maier ha accettato.

Fonte: https://www.lastampa.it/

Donnie è stato pesato, e successivamente gli sono stati controllati polmoni, occhi e orecchie. Ha anche un cuore che batte: un innesto meccanico fatto dagli artigiani del negozio, maestri nel personalizzare le loro creazioni.

Il taglio alla zampa è stato fasciato, con tanto di consigli alla piccola Jazmine per aiutare una pronta guarigione del suo amico.

Fonte: https://www.lastampa.it/

Il dottor Maier ha definito questa visita “una esperienza davvero speciale anche per noi”. E non solo. Un ospedale veterinario ha curato un gattino di peluche e ha anche altro da raccontare a riguardo.

“Guarire il cuore del proprietario è importante quanto guarire l’animale domestico”

Fonte: https://www.lastampa.it/

Forse, altri professionisti del settore si sarebbero rifiutati e avrebbero respinto la richiesta, considerandola una perdita di tempo prezioso. E pare invece che la Pioneer Veterinary Clinic non abbia avuto queste remore, e sia felice di non averlo fatto.