Una gatta ha ucciso un serpente velenoso, salvando il suo umano

Forse non sono in tanti a saperlo, ma la figura del gatto e quella del serpente sono contrapposte in numerose mitologie. Tanto che, secondo alcuni, il gatto soffiando imita il suo nemico più temibile. Si dice che sia stato un gatto a salvare il piccolo Gesù dal demonio, presentatosi in forma di serpente per ucciderlo, e per questo si sia guadagnato la “emme” che decora tutt’ora la fronte dei soriani. E che dire del guerriero della religione di Bali chiamato Barong Ke, in lotta perenne con la regina dei demoni Rangda, spesso raffigurata in forma di serpente? Un’abitudine, questa, che non paiono aver perso nemmeno i nostri felini domestici. Infatti in Tennessee, stato degli Stati Uniti d’America, una gatta ha ucciso un serpente risparmiando molto probabilmente una pessima esperienza al suo umano.

Una gatta ha ucciso un serpente
Fonte: https://www.13newsnow.com/

Questa gatta si chiama Shelly, ed è entrata nella casa di Jimmie Nelson per iniziativa di sua figlia Teresa Seals. Quando l’uomo è stato vittima di un ictus e ha visto ridotte le sue facoltà motorie, Teresa ha pensato che un micio avrebbe potuto fargli almeno un po’ di compagnia.

banner

Certamente, tuttavia, non si aspettava che proprio Shelly gli avrebbe salvato la vita. Eppure, proprio una gatta ha ucciso un serpente velenoso dall’alta pericolosità.

Tennessee man, 81, believes shelter cat saved his life by ...
Fonte: https://www.mostholyfamilymonastery.com/

Il serpente in questione era un Agkistrodon contortrix, noto anche come “testa di rame”. Il suo morso, seppur difficilmente mortale per l’uomo, può comunque portare serie complicazioni. Il veleno colpisce cuore e sistema circolatorio, causando sintomi come dolori acuti, gonfiori, formicolii e forti nausee.

Un esemplare di Agkistrodon contortrix
http://reptile-database.reptarium.cz/

Lo scontro tra Shelly e il serpente si è svolto probabilmente la notte in cui il signor Nelson ha sentito alcuni rumori, che sul momento ha attribuito ai tipici giochi felini notturni. Si è dovuto ricredere quando la gatta gli ha mostrato il cadavere del rettile, costellato di ferite, come racconta Shelly secondo “LaStampa.it”.

Sul lato del collo e della testa del serpente c’erano segni di artigli e una grande morso. In quel momento abbiamo capito che il gatto aveva ucciso il serpente e lo ha tirato fuori qualche giorno dopo per mostrarlo a mio papà.

Senza saperlo, seguendo solo il suo istinto millenario, ha forse salvato la vita al suo umano. Un gesto, questo, che ha commosso Teresa.

Ora Shelly per noi è un vero eroe.

Penso che Dio ci abbia inviato il gatto per salvare mio padre.

E a giudicare dalle foto pubblicate in rete, anche Jimmy Nelson è parecchio grato alla sua amica a quattro zampe!

Fonte: https://www.whas11.com/