Una gattina randagia sceglie la sua umana accomodandosi sulle sue spalle

Qualche volta, lo sappiamo anche noi, quello che ci vuole è la persona giusta. Quando siamo stanchi, spaventati o bisognosi di conforto, a volte c’è solo una persona al mondo in grado di aiutarci. C’era a Chicago una gattina tutta sola che altro non aspettava che l’umana giusta per superare le sue paure. Così inizia la storia che vede protagoniste la gattina Puig e la sua umana Madison.

Fonte: https://www.lastampa.it/

La gattina grigia ritratta in questo scatto si trovava a South Chicago. Nascosta sotto una macchina, era stata lì individuata da alcuni motociclisti abbastanza gentili d’animo da cercare qualcuno disposto a darle una casa.

banner

Questa è la scena a cui Madison Kelly, ciclista reduce da una gara finita con una delusione, si è trovata davanti. E amante dei felini come è, non ha potuto non avvicinarsi alla combriccola.

Fonte: https://www.lastampa.it/

La micetta, appena l’ha vista, non ha esitato un attimo. Ha compiuto la sua scelta, e le è balzata sulla spalla, arrampicandosi fino a quando non vi si è sistemata per bene. Qualcosa in Madison l’ha convinta che era quella la persona per lei, e niente avrebbe potuto farle cambiare idea.

E Madison come ha reagito?

È presto detto. Queste sono le parole con cui, stando a LaStampa.it, la donna ha commentato l’avvenimento.

“Non ho vinto la gara, ma ho vinto la compagnia di un gattino randagio”

Fonte: https://www.lastampa.it/

Una volta che Madison si è sistemata in macchina ed è stata pronta a dirigersi a casa, la gattina non ha voluto saperne di accomodarsi sul sedile posteriore. Le si è accovacciata in grembo, con un turbine di fusa affettuose. E non si è mossa fino a che non sono giunte a destinazione.

Fonte: https://www.lastampa.it/

La piccola è stata battezzata Puig. E ora la gattina Puig e la sua umana Madison sono inseparabili.

“Da allora, vuole sempre essere dove sono io e prendere parte a tutto quello che sto facendo. Ha una personalità molto giocosa e curiosa”

Fonte: https://www.lastampa.it/

Si può forse immaginare un lieto fine migliore di questo?